HYPE – Marco Mendeni 29/05_17/06/2017

 

c.s. HYPE di Marco Mendeni

Note critiche di Anna d'Ambrosio

Progetto mostra

Testo critico di Matteo Bittanti

Critical essay by Matteo Bittanti

6e20 events
All Events in City
AM Appuntamenti Metropolitani (Città Metropolitana di Milano)
Artribune
BoBoBo
Buon Giorno WEB!
Eosarte
Espoarte
espressioneArte
evensi
Eventa
Eventi e Sagre
Exibart
gaiaitalia.com
Gamescenes
GiraItalia (articolo della Redazione)
Golf People Club Magazine
IAM Italia Art Magazine
ignorarte
Il Comunicato Stampa (CorrieredelWeb.it)
IoArte
incircolarte
informazione.it
Joylife
Juliet
KritikaOnline
Lobodilattice
Lombardia in festa
MagazineArt
Magazine Pragma
Matteo Bittanti (blog)
Milano-24h.com
Milano OnLine
MilanoToday 1
MilanoToday 2
Mostre Arte
mpefm for collectors and modern contemporary art professionals
MurMurOfArt
OK Arte
Pittorica
Plannify
TeleAgenda.it
Wherevent
WikiEventi

Corriere della Sera: vedi n. del 29 maggio 2017, Milano, pag. 13
Corriere della Sera: vedi n.  del 16 giugno 2017, Milano, pag. 17








 


Giulio Crosara

 

- April 30 th  until June 12 th 2016, Milano, Acquario Civico,  photographic installation ATTITUDE 1.0 2016.  Curators: Giovanni Pelloso, Elisabetta Polletto.
- Dicember 4th until 6th 2015 and April 25th until May 5th 2016, Ramiseto Reggio Emilia Italy May 6th until 8th 2016, Reggio Emilia, The call of nature,  Giulio Crosara's public installations, Circuito Off Fotografia Europea.
- Dicember 4th until 6th 2015 and April 25th until May 5th 2016, Ramiseto Reggio Emilia Italy. Artist Resident: Valico Terminus. The call of nature of Giulio Crosara, project for Fotografia Europea 2016.  Curators: Nila Shabnam Bonetti, Giovanni Cervi.
- February 6 th until 16 th February 2016, , MilanArea 35 Artfactory, international contemporary art contest: We Art International. Exposition of 15 finalist of the contest curated by Tobia Donà, project of No Title Gallery in collaboration with Area35 Artfactory.

- November 7th 2015 until November 20th 2015,  Milano, ‘Palazzo della PERMANENTE’,Palio Artistico Milano EXPO 2015 – “Arte Energia dall’Immaginario” (Art as Energy of the Imaginary).
- October 9th 2015 and lasting until October 24th 2015,  Milano at Galleria City Art “The balance of nature in the artifice of the night in Milan”Solo exhibition with installation, sculpture, photography for the ‘Day of the Contemporary’ organized by AMACI (Association of Italian Contemporary Art Museums), inserted in Review PHOTOFESTIVAL.
- August 25th 2015 and lasting till September 3rd 2015 , Milano at Spazio SeiCentro “Smart Locution”Solo exhibition with installation, sculpture, photography and live crickets: curated by Nila Shabnam Bonetti and Mauro Mariani. Under the patronage of the town Comune di Milano-Zona 6, “SEICENTRO” and Associazione AmAMi.
- July 18th till August 6th 2015,  “Nuovo Spazio di Casso Sant’Antoni 1” in Casso (Comune of Erto e Casso -Pordenone) Exposure of the project “Sign of Shine”Site-specific installation for the Vajont dam selected and published by Dolomiti Contemporanee, an International Artistic competition launched in June 2014 as “A Call for a Line”, curated by Gianluca D'incà Levis.
- June 2nd till September 10th 2015, Eraclea (VENEZIA) Art resident SENSEofCOMMUNITY #13 Centro di Educazione Ambientale (Environmental educational Center) Oltre il mare “Behind the Sea”– relational device with author Giulio Crosara. 
- June 7th till 16th 2015 , Via Savona, 99 MILANO “Figura Acqua” - part III – at ‘Spazio SeiCentro A. Fois’ as part of the iniziative both Expo in Città and PHOTOFESTIVAL, Group exhibition.
- May 20th till June 5th 2015,
Milano  at “Spazio Soderini”, “Figura Acqua” - part III Group exhibition.
- April 23rd till May 10th 2015 Milano
, Via Gadio 2 at Acquario Civico e Stazione Idrobiologica (Civic Aquarium and Hydrobiological Station) “Acqua per la vita” (“Water for Life”)photo- graphic exhibition of 13 selected artists inserted in the initiatives of PHOTOFESTIVAL and Expo in Città curated by Giovanni Pelloso and Elisabetta Polletto.

- November 28th till December 7th 2014,  Milano, Amy-d Arte Spazio economArt Gallery, Exhibition project “Out of Sight” within the WORLD DAY AGAINST AIDS, and round- table on December 1st; curated by Vanda Elisa Gatti & Anna d’Ambrosio. Site specific installation by Giulio Crosara: “Castelli in aria”
- October 24th till November 2nd 2014 Genova PALAZZO DUCALE, Sala del Munizioniere, Piazza Matteotti 9 - FESTIVAL della SCIENZA – GENOVA (SCIENCE FESTIVAL – in GENOA), “SPILLOVER” a project about nanotechnologies curated by Amy-d Arte e Spazio-economART . Site specific installation by Giulio Crosara: “The Smart Sponge”.
- October 10th till 19th, 2014
Venezia Castello 3865 Galleria SPIAZZI – Artist resident SENSEofCOMMUNITY#11: VENEZIA for the Tenth Day of the Contemporary – curated by Silvia Petronici
- August 9th to 19th 2014 FORTE STELLA (Monte Argentario) Tuscany – Artist resident SENSEofCOMMUNITY #9, curated by Silvia Petronici in collaboration with ADIACENZE. Resident curator: Francesca Rizzo.
- April 29th until May 25th 2014 Milano, Amy-d Arte Spazio economArt Gallery “Sulla riva di un’isola che svanisce” "GHORAMARA" (“On the Shore of the Island Vanishing”) Daesung Lee and Desktop Garden. Inserted in initiatives of PHOTOFESTIVAL.
- April 8th to 13th 2014 Milano, Via Procaccini 4 and Via Luigi Nono 7 - “The Secret Gardens” Interventions of contemporary art in the green areas of FABBRICA DEL VAPORE as part of events of “Fuorisalone di Milano Design”.

- December 15th 2013 Milano Piazza del Governo Provvisorio. On the inauguration of CASCINA TURRO Exhibition/artistic laboratory of year-end for youth from CAG-Tarabella, “Art in Social Laboratory”, conducted by the Group: Guppo   Relazioni Transculturali – GRT
- June 23th to 28th 2013 Lissone (Monza) Viale Padania MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA SO/STARE Project – from a talk by Remo Salvadori and Alberto Zanchetta; exhibition at the MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA of Lissone photographic project
- May 2nd to 30th 2013 TRIENNALE of Milano on: “Milano & Oltre. Una visione in movimento” (“Milano & Beyond. A Vision in Motion”) edited by: Connecting Cultures – leading director: Anna Detheridge.
- April 14th 2013 Milano Via De Amicis 17. Cloister ex-CONVENTO DI SANTA MARIA VITTORIA – solo exhibition, Black-Sheep Event.

- September 30th 2012 in Milano - Performance held during the event “TAKE ON ME!” Edited by: “Laboratorio Alchemico”.
- May 19th 2012,  Milano Via Agordat ANFITEATRO DELLA MARTESANA. “Arte nel sociale” (“Art in Social”), Festivity of Via Padova in collaboration with: GRT, Parada Italia, COMIN, Cassiopea, TS1C, CAG Tarabella.
- April 26th 2012, Milano Via Formentini 10 (Brera Area) within the former S. Carpoforo Church Group exhibition conceived basing the fruition via the video tool.

- June 22th to 24th 2011, Milano, Via private Assab 1 c/o ASSAB ONE "All'inizio non era un'isola" ("In the beginning it Was not an Island”) curated by Remo Salvadori, “Here” interactive photo- graphic performance.
-May 21st 2011,
Milano, Piazza Miani (Miani Place) PUBLIC INSTALLATION “Miani si fa guardare”
 Selected artist in the competition 2010/11 “Milano & Oltre” (“Milano & Beyond”). With Claudia Losi and the direction of Anna Detheridge

Giulio Crosara trained as a professional photographer in Milan.
Starting from photography as an expression medium, while declining the two-dimensionality of the medium through “installations”, he developed the poetry of his works performing public participations, laboratories, artistic collective actions and relational devices.
His research is based on a conceptual approach, the metaphysical thinking meets the material one through his experiments involving new materials.
Since 2014 he is taking part in “Spillover”, a project concerning nano-technologies by Amy-D ArteSpazio, introduced him at the Genoa Science Festival, with his project “The Smart Sponge”.
The national circulation newspaper “Corriere della Sera”, inside its Supplement “Innovazione” (Innovation), dedicated the paper article titled: “L’Arte incontra il Grafene” (The Art Meets the Graphene).
He has exhibited in several exhibitions an residencies, solo and Group, among them the “Triennale di Milano", the “Festival della Scienza di Genova” (Genoa Science Festival), the “Spiazzi Gallery” of Venice, Museum of Contemporary Art Lissone, “Palazzo della Permanente di Milano”, Circuito Off Fotografia Europea 2016, Fabbrica del Vapore, ASSAB ONE and “Amy-D ArteSpazio”.
To trigger the transmission of what he wants to communicate, he is feeling the need to perform. The artistic action that he's carrying out is accomplished by the accompaniment of the viewer to another direction/dimension. Like a door that opens onto an inner world in which the viewer is called to enter. And it is there, in this intimate sharing between artist and audience that takes the art “momentum” now. It is neither simple nor immediate, but it is an act so deep to knock down walls and undermine certainties as well.
In 2015 he introduces “Smart Locution” simultaneously with MILANO EXPO 2015, an art project that explores about the coordinated group behavior in animals using 2,000 live hyperactive, organized and engulfing crickets.The crickets, in addition to be the food of the future, feed on cotton photographic printings, reworking so his individual work in favor of an awareness that looks to the crowd and making, at the same time, the prints unique.

 

Fuorisalone 2017 01_10/04

 

Read More

In a changing sea – Giuseppe La Spada 10_13/03/2017

Read More

Beba Stoppani

 

Beba Stoppani è nata a Milano. Vive e lavora tra Messico e Italia.

Di formazione classica, si laurea in Biologia all'Università degli Studi di Milano e svolge attività di ricerca presso l’Istituto di Farmacologia e Tossicologia. Dopo il diploma in fotografia presso lo IED – Istituto Europeo di Design di Milano, inizia una collaborazione con lo studio fotografico “Studio Azzurro” di Milano.

In breve tempo conquista autonomia espressiva e nel 1989 apre il suo studio professionale come fotografa di architettura, design, pubblicità. Molte le collaborazioni con riviste del settore (Domus, Abitare, Interni, Axis, Gran Bazaar), aziende di design (B&B, Flos, Artemide, Luceplan, Limonta, Bisazza, Alessi, Pomellato) e studi internazionali di architettura per progetti in Italia e all’estero. In particolare ha collaborato con l’Atelier Mendini per la documentazione fotografica della mostra di Achille Castiglioni al Museum fur Angewadtee di Vienna; e con Studio Alchimia, per il progetto del Museo di Groningen in Olanda. Nel 1995 fonda Stardust - società di ricerca e creazione di immagini e tendenze moda per il settore tessile e realizza numerosi quaderni-tendenza per tessuto e stampa.

La sua personale ricerca artistica, legata all’amore per la veduta paesaggistica e per la bellezza celata, la spinge a viaggiare e documentare le diverse realtà culturali che incontra.

Esordisce con il progetto Sulle orme della via della seta: dal Giappone al Mediterraneo. 
La ricerca di spazi di natura visionaria prosegue intensificandosi nelle successive mostre fotografiche: Verso la Patagonia, 1995, Consolato Argentino di Milano; Sumo rito e tradizione nel Giappone contemporaneo, 1997; Birmania un paese da amare, 1999, Orciano di Pesaro (Pesaro); Sumo (video), 2000, Premio Rassegna Nazionale di Arti Multimediali, Orciano di Pesaro (Pesaro); Oaxaca, tredici lune, 2010, Premio Biennale di Fotografia, Fiastra (Macerata); Riflessioni, 2012, Sacrestia Monumentale di San Marco, Brera (Milano). 
Dal 2014 si impegna nello sviluppo del progetto d’arte il “Bosco di San Francesco, piattaforma internazionale per la pace ed il dialogo interculturale” invitando nel progetto artisti, studiosi e musicisti. Il 2015 è dedicato allo scambio con la Romania.
Le sue opere fotografiche sono dense di citazioni organiche e legami con l'architettura, celebrano l'estasi della forma in atmosfere sublimi. 

Tra le mostre più recenti si segnalano:
“Il Bosco di San Francesco”, Capilla Domina, Ex Convento de Santo Domingo de Guzman (Oaxaca, Messico, 2013). 
“L’Esploratore inesistente”, Galleria Amy-d, MIA - Milan Image Art Fair (Milano, 2014). Impressioni d’Arte 2014, Orciano di Pesaro (Pesaro, 2014). 
“La magia di Venezia”, Officina delle Zattere, Dorsoduro (Collettiva-Venezia, 2014). 
“Uno sguardo sulla Romania”, Consolato Generale della Romania (Milano, 2014). 
“Il Bosco di San Francesco”, Galleria delle Logge (Assisi, 2015). 
Salon Art Carrousel du Louvre – Monica Martins Fine Art Gallery (Collettiva - Parigi, 2015).
“TerraMadre”, Galleria Amy-d, MIA - Milan Image Art Fair 2015 (Milano, 2015). 
2015: “Il Bosco di San Francesco, Piattaforma internazionale per la pace e il dialogo interculturale”
Italia- Romania:
Istituto Italiano di Cultura Bucarest (Bucarest, Giugno 2015). 
Expo Milano, Padiglione Romania (Luglio, 2015). 
Istituto Romeno di Ricerca e Cultura Umanistica di Venezia, (Novembre, 2015).

 


Edoardo Miola

 

Exhibitions

2016
“SOS Pianeta” a cura di Fai Italia , Sondrio
“X-Change ”  Galleria Amy-d, Milano Photofestival
“Fore-X ” Mia Fair 2015, Milano   

2015
“La Parete d’autore”
Mostra permanente presso GB Gallery Genova dal settembre 2015
"Mustang, a borderland Fate "   Medlefors Folk High School and Conference Skelleftea Sweden
“Racconti di sabbia” Mia Fair 2015, Milano
 “Out of Norm” In Arte- Werkkunst Gallery, Berlino

2014
“Mustang - Un destino di frontiera”   
Spazio 53, Voghera  

2013
“Le petit Royaume-Mustang Nepal”
Galleria Paola Meliga, Torino

2012
“ Dejà Vù” Galleria Paola Meliga, Torino -  dicembre 2012 gennaio 2013
“Soi Cowboy”  Palazzo Rosso, Genova -  dicembre 2012 gennaio 2013
“ A cold breath” Gallery 1, Skelleftea  Sweden

Awards

“My lifestyle” Mia Fair 2015“Namibia#3”  1° place
“Nikon Photo Contest 2012-2013”, 
 “Communication” 2° place

 

Edoardo Miola (1954, Genova, Italia).

Edoardo Miola vive alternativamente in Italia, in Lapponia Svedese Svezia e Sud Africa. Laureatosi in architettura nel 1978, dopo aver visitato l’intera Europa, nel 1974 compie il suo primo viaggio in Asia, Iran, Afganistan . Dedica ampio spazio alla documentazione dell’area Sud dell’Africa del Nord Europa e Asia. Compone alcuni volumi di reportage di viaggio: Vietnam, Australia, Bangkok, Africa Australe, Giappone, Mustang. Il suo lavoro viene premiato al Nikon Photo Contest 2012-2013.

Trova nell’ esplorazione e nello spostamento la sua vera ragione di “stabilità”. In una sorta di irrefrenabile curiosità, è mosso dall’incessante desiderio di percorrere il Mondo. Riconosce al viaggio ed al “lento girovagare”, la più ampia valenza della conoscenza.

"Credo che una sorta di 'vuoto' iniziale aiuti ad avere spazio libero per accogliere ciò che accade intorno a me".

«…Una parte fondamentale della mia ricerca è l’attesa: se si attende in silenzio, prima o poi accade qualcosa che capita di essere osservato dai miei occhi e raccontato dalla mia macchina fotografica. In quel momento, il fotografo scompare, diventa quasi invisibile.

L’attesa riempie il vuoto e fa scattare l’improvvisazione, anche se credo che – non si improvvisi a caso, ma che il caso aiuti ad improvvisare.

Mi piace che la mia fotografia rappresenti la natura, i popoli, le situazioni in cui mi imbatto lungo il mio percorso, non come un antropologo o come un giornalista tradizionale. Sono infatti interessato alle emozioni che posso condividere con chi osserva i miei scatti.»

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Edoardo Miola (1954, Genova, Italy).

 Edoardo Miola finds in exploration and travel his one reason and definition of “stability”. He is spurred by an insatiable curiosity and never ending desire of traveling the world. In his own words, he thinks travel and the “slow wandering” to be the true essence of knowledge and discovery.

I believe that keeping the mind as an initially blank slate, helps to create an internal ‘void’, a space that allows what happens around us to register in our consciousness.

A fundamental part of my research involves waiting: if you stay still, sooner or later something to be observed by my eyes and be told by my camera eventually happens.

In that very instant, the photographer disappears and becomes almost invisible.

Waiting fills the void and triggers the power of improvisation, even though I believe that “one does not improvise by chance, but chance helps to improvise”.

Like in music, we know the techniques, know the songs, play along, and then improvise…

I like my photography to represent nature, the people I meet, situations that I come across along my path, but not as an anthropologist or a traditional reporter. I am interested instead in the emotion that I can share with whoever observes and enjoys my shots.”   

      


Mariella Ghirardani

 

 

Tra le principali esposizioni personali sono da ricordare quelle alla Casa degli Artisti, a Milano, nel 1985, 1988, 1997, 2000; alla Galleria Marianne Maier, a Milano, nel 1995; alla Galleria Fabia Calvasina, a Milano, nel 1997; allo Spaziotemporaneo, a Milano, e allo Studio Cristina Del Ponte, Locarno (CH), nel 2002.

Partecipa alla XL Esposizione Biennale Internazionale d’Arte, Magazzini del Sale, Venezia, nel 1982 e alle principali mostre realizzate a cura della Casa degli Artisti, sia a Milano che in altre sedi.

Tra le esposizioni collettive, alle quali è invitata, sono da ricordare: Fabbrica. Nuova arte contemporanea, ex Fabbrica Mida, Brescia, nel 1989; Trattative con Euclide, nel 1992, Disordine nel 1993, e Le ombre nel cassetto nel 1994, allo Spaziotemporaneo, Milano; Scossa, Care/of, Cusano Milanino, (MI), nel 1994; Immagine rinnovata, Antico Monastero delle Agostiniane, Monte Carasso, (Bellinzona - CH), nel 1999; Segno e Materia, Villa Borromeo, Senago (MI), nel 2004 e la presenza alla XIII Biennale Internazionale di Scultura di Carrara nel 2006.

Personale "occhio di strega" 14 febbraio 14 marzo 2007, galleria Spaziotemporaneo, via Solferino 56 Milano, a cura di Federico Sardella

Personale "Mariposa" 17 ottobre 17 novembre 2012, galleria Spaziotemoraneo, via Solferino 56 Milano,  a cura di Federico Sardella

Collettiva fondazione Mudima "la Mente e il Giudizio" 12 dicembre 23 dicembre 2013, via Tadino 26 Milano

Collettiva Katten Kabinet 18 maggio 2016 MARS, via Guinizzelli 6 Milano

No Place 2 castello di Fombio (Lodi) 12 marzo 2016

"in principio è la Terra" forte di Gavi (AL) 27 maggio 15 settembre 2016 

    Mariella Ghirardani è nata a Parma, vive e lavora a Milano.

“Rendere l’idea dello spazio: è su questo che ho iniziato a lavorare; è questo il principale insegnamento che mi ha lasciato il Maestro Hidetoshi Nagasawa. Il fatto che lui mi abbia assegnato, da studentessa, come primissimo compito quello di disegnare l’acqua ha segnato profondamente il mio procedere.

Nell’acqua c’è tutto: il movimento, la luce, la profondità, la vita. Nell’acqua ci sono le relazioni dello spazio, che tu devi saper captare tutte in una volta se vuoi rendere il suo senso. Cogliere l’acqua è come sfondare un muro. Quando capisci l’acqua capisci lo spazio. Sino a togliere tutto quanto il superfluo.

“Il mio modo di lavorare, non è legato in senso stretto né alla pittura né alla scultura ma all’opera. Anche se a volte sento il bisogno della tela, del produrre un lavoro da attaccare al muro… io rimango comunque una scultrice, che realizza opere da terra, da parete, su carta o su tela. Il vuoto è parte di ogni mio lavoro. Mette in evidenza tutto quello che di concreto e palpabile contiene e sottolinea, rilevandolo, ciò che solitamente sfuggirebbe: il contorno dell’opera… lo spazio, l’aria. In queste mie sculture recenti il vuoto lo ottengo con la materia stessa e attraverso l’uso di superfici specchianti. La materia, riflettendo se stessa, svela un po’ della sua interiorità. In genere le mie sculture sono composte da più elementi, e quando i differenti elementi si specchiano l’uno nell’altro, l’uno diventa l’anima e il fulcro dell’altro.

Lo specchio diventa una sorta di finestra in grado di mostrare qualcosa dall’interno.
Una finestra che si apre alla comprensione di altri spazi e altri luoghi”.

dall’intervista di Federico Sardella a Mariella Ghirardani (2007)

 

      


Il disegno dell’acqua – Mariella Ghirardani 02/02_19/02/2017

 

c.s. Il disegno dell'acqua - Mariella Ghirardani

Testo critico di Rosella Ghezzi

The drawing of water - Mariella Ghirardani

Critical essay by Rosella Ghezzi

360 gradi
Allevents.in
AM Appuntamenti Metropolitani (Città Metropolitana di Milano)

Amedit magazine
arte.go
ARTE.it
Arte in Mostra

Artribune
BoBoBo
Carpe Diem!
Corriere della Sera: vedi n. del 2 febbraio 2017, Milano, pag. 19
CorrieredelWeb.it
Cultura Italia
Dovesiva
EosArte
Espoarte
evensi
Eventa
Eventi e Sagre
Exibart
GiraItalia.it
Golf People Club Magazine
Hestetika
heyevent
IAM Italia Art Magazine
Il Comunicato Stampa
(CorrieredelWeb.it)
1
Il Comunicato Stampa (CorrieredelWeb.it) 2
incircolarte
Informazione.it
IoArte
Joylife
KritikaOnline
la Repubblica: vedi n. del 2 febbraio 2017, Milano, Arte, Vernici, pag. XVI
la Repubblica.it(vedi sotto ARTE)
Lobodilattice
Lombardia in festa
MagazineArt
Magazine Pragma
mediartrade
mentelocale.it (articolo della Redazione)
Milano OnLine
MilanoToday
mpefm for collectors and modern contemporary art professionals
MurMurOfArt
OK ARTE
Plannify
TeleAgenda.it
Virgilio
ViviMilano  (articolo di Rosella Ghezzi)

Wall Street International
Wherevent
Wikieventi 1
Wikieventi 2






 


 Francesco Giusti

 

 

MAIN SOLO & GROUP EXHIBITIONS

2015
“IN CASE OF LOSS” – GETXOPHOTO Festival, Spain. Curated by Christian Caujolle.

2014
“RICH PICKINGS – Displaying Wealth” at the Museum fur Kunst und Gewerb, Hamburg.
“SAPOLOGIE” Photovisa International Photographic Festival. Krasnodar, Russia.
“CARIBBEAN” solo exhibition. HVW8 Gallery, Los Angeles, U.S.
“INVISIBLE MIGRATIONS group show at Alice Austen House , NY. Curated by Paul Moakley and Myles Little from TIME.

2013
“MADE IN SLUMS / MATHARE-NAIROBI” at TRIENNALE. Milano, Italy.

2012
“IN CASE OF LOSS Valenzuela Klenner Gallery – Bogotà, Colombia. Curated by Julien Petit.
SAPOLOGIE” Festival de la Luz at MAC - Bahia Blanca, Argentina.

2011
“SAPOLOGIE” International Discoveries III / FOTOFEST Houston, Texas. Curated by Wendy Watriss.
“SAPOLOGIE” 4th FOTOFESTIVAL Mannheim/Ludwigshafen/Heidelberg, Germany. Curated by Katerina Gregos & Solvej Helweg Ovesen.
“SAPOLOGIE” Galerie LA CHAMBRE. Strasbourg, France.
“SAPOLOGIE” FOTOGRAFICA BOGOTA’ 2011 / Fundacion Gilberto Alzate Avendano. Bogota’, Colombia.
“SAPOLOGIE” GUERNSEY FOTOGRAPHY FESTIVAL 2011 / UK. Outdoor display at the Bus Terminus, St. Peter Port.

Francesco Giusti è un fotografo documentarista indipendente orientato all’investigazione di tematiche contemporanee quali le migrazioni, il lavoro, le tensioni sociali, i conflitti e le questioni legate all’identità.
Negli ultimi venti anni ha esplorato diversi approcci: dal saggio fotogiornalistico al ritratto a progetti fotografici piu’ personali e di lunga durata; cercando sempre una voce personale e fuori dal coro.
Ha lavorato principalmente in Africa, nella regione Mediterranea, nella zona dei Caraibi (Haiti, Cuba, Jamaica) e in Sud e Centro America.
La sua serie di ritratti “Sapologie”, sul mito dell’eleganza tra i dandies del Congo e membri della SAPE, ha ricevuto il World Press nel 2010.
In Case of Loss”, una serie del 2011 sui lavoratori migranti in fuga dalla Libia, e’ stata ampiamente pubblicata ed esposta.
Recentemente ha ricevuto il Voies Off Arles - Prix de la Critique 2016 con la serie “The Rescue”, una raccolta di fotografie perse dai migranti e ritrovate sull’isola di Lesbos in Grecia.
I suoi lavori sono stati esposti in gallerie, istituzioni pubbliche e private e festival internazionali di fotografia quali Arles 1999, Perpignan 2000, Roma 2006, FotograficaBogotà 2010, HoustonFotofest 2011, 4thFotofestivalGermany 2011, FIFVValparaisoChile 2013, GetxoPhotoSpain 2015, VoiesOff Arles 2016, tra gli altri.
Ha pubblicato su Internazionale, l’Espresso, Time Lightbox, Courier International, OjodePez, GUP, Colors, Leica Magazine, Russkij Reporter, l’Europeo, Photonews, KwartalnikFotografia, tra gli altri.
Ha tenuto workshop in Italia, Egitto, Kenia, Colombia e Cile.

 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Francesco Giusti is a freelance documentary photographer oriented toward the investigation of contemporary topics such as migrations, labor, conflicts and social tensions as well as cultural and identity related issues.
Over the last twenty years he has explored different approaches: from photojournalistic essays to portrait stories to long term documentary based projects; always looking for a personal and unconventional voice.
He has worked primarily in Africa, in the Mediterranean and the Caribbean area, as well as Central and South America.
His portrait story “Sapologie”, about the mith of elegance among the congolese gentlemen of the SAPE has been awarded a World Press Photo in 2010.
In Case of Loss”, a series on foreign migrant workers escaping war in Libya has been widely published and exhibited. His series “The Rescue”, about pictures lost or discarded by migrants on the greek island of Lesbos has been awarded with Voies Off Arles - Prix de la Critique 2016.
His works have been exhibited in galleries, public institutions and international photographic festivals such as Arles1999, Perpignan2000, Roma2006, FotograficaBogotà2010, HoustonFotofest2011, 4thFotofestivalGermany2011, FIFVValparaisoChile2013, GetxoPhotoSpain2015, Voies Off Arles 2016, among others.
Publications include Internazionale, l’Espresso, TimeLightbox, CourrierInternational, OjodePez, GUP, Colors, LeicaMagazine, RusskijReporter, l’Europeo, Photonews, KwartalnikFotografia, among others.
He has run workshops in Italy, Egypt, Kenia, Colombia and Chile.

 

1 2 3 17
UA-28890560-8